Otro más

Cucina giapponese non solo sushi

0
Like

Contaminazioni culturali, dall’aperitivo alla cucina giapponese

Vi avevamo parlato in I love Japan qualche mese fa, di quella che è la nostra passione per i cartoni animati giapponesi e in tutti, prima o poi, si nota un elemento caratteristico, il Kimono che letteralmente significa “cosa da indossare”.

Kimono

Si tratta di una veste tradizionale giapponese a forma di T, molto lunga, dalle maniche molto ampie all’altezza dei polsi, se ne possono trovare di ampie fino a mezzo metro.

Memorie di una geisha

La distinzione tra il Kimono maschile e quello femminile è data dai colori (spenti e scuri per gli uomini, mentre sono colorati e decorati per le donne) e dalla lunghezza delle maniche.

La tradizione vuole che le donne nubili indossino un kimono dalle maniche così lunghe da arrivare fin quasi a terra, chiamato Furisode.

Vi starete chiedendo il perché abbiamo ripreso il tema del Kimono suggerito dalla nostra collega Annamaria Maisto di #picoftheweek! Semplice, perché conosciamo un posto davvero curioso in centro a Treviso.

Si chiama Ikija e vendono kimoni vintage, geta e zori (sandali simili agli infradito) e oggettistica importata direttamente dal Giappone.

Le loro vetrine ci hanno sempre attratto con molto interesse, specialmente da quando offrono la possibilità di prendere l’aperitivo e anche di pranzare o cenare, tutto naturalmente a base di prodotti tipici giapponesi.

Okonomiyaki
Vi chiederete ma cosa si mangia e si beve durante un aperitivo giapponese? Beh potete spaziare dalle Korokke (polpette di patate), agli Okonomiyaki, un piatto agro-dolce giapponese che ricorda nella forma il pancake americano, le cosidette polpette alla piastra di “Marrabbio” per gli amanti dei manga.

gamberi in tempura
Potreste tuffarvi nella tempura che sia di sole verdure o anche di gamberi, che altro non è se non una frittura leggera e croccante, senza dimenticare i più classici Onigiri, polpette di riso triangolari, chiuse da un’alga e ripiene di pesce o carne. Trovate anche gli Umeboshi, di cui potete trovare ampio spazio nell’articolo di Lucia Bonan di quest’oggi… ;)

Ebbene alcuni di questi piatti, non tutti o meglio non sempre, li potete trovare all’Ikiya.

Nella cultura giapponese il cibo accompagnato da bibite alcoliche è detto sakana e proprio parlando di bevande, quelle tipiche sono senz’altro il sake, lo shōchū, il chūhai, il mirin e l’umeshu. Inoltre in Giappone si consuma della birra dalla qualità eccellente, peccato che l’elevata tassazione ne faccia lievitare i prezzi.

tazze-nippon
Se vi abbiamo suscitato un po’ di interesse con tutto questo parlare di cucina giapponese, non mancate di approfondire l’esperienza con il prossimo articolo a tema che uscirà domenica nella rubrica di Carlotta Borsai Smell your Life per completare il viaggio nipponico con un esperienza olfattiva.

Ed ora che avete tutti gli elementi non vi resta che sperimentare il vostro aperitivo in pieno stile nipponico. 

Foto prese dal web.

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM MARION E FABIO

ENTRA NELLA COMMUNITY