Almost thirty

CRASH BAGGAGE: perché averne cura?

0
Like

Quando ciò che ti piace fare di più è viaggiare, ma ogni volta la più grande preoccupazione è che la valigia che non arrivi a destinazione o che si possa rovinare. Parti direttamente con la valigia danneggiata.

0.1_Crash Baggage

Nasce così Crash Baggage: “la valigia rovinata”, già prodotta con le tipiche ammaccature provocate dall’uso.

A quest’idea originale e insolita, ci ha pensato Francesco Pavia, giovane designer Veneziano.

“Viaggiando di aeroporto in aeroporto mi sono accorto di come le valige venissero spostate e gettate di qua e di là, e di come si ammaccassero in continuazione”

mi racconta Francesco, il quale ha creato una filosofia di viaggio contemporanea, con un modo tutto nuovo di concepire la valigia. Il non-maneggiare con cura è la regola per creare sempre più ammaccature che daranno personalità al bagaglio. La funzionalità rimane quella delle solite valigie, con l’unica differenza di essere unica nel suo stile, lei, e far diventare unici voi che la possedete. In questo modo non solo non avrete più paura di ricevere la vostra valigia rovinata, ma sarà certamente più facile da individuare fra tante.

La collezione è costruita con i materiali più all’avanguardia: le valigie sono costruite da policarbonato, una plastica leggera ma resistente agli urti. Tutti i prodotti della collezione sono sostenibili: le valigie, infatti, sono prodotte seguendo uno standard che limita la presenza di elementi chimici nei vari componenti. La serie è costituita da un set di tre pezzi (piccolo-medio-grande), in otto colori diversi con finitura opaca e tre colori con finitura lucida.

0.5_Crash Baggage

Crash Baggage, in poco tempo, si è fatta conoscere ormai in tutto il mondo. Con una partecipazione al White a Milano e due partecipazioni al Pitti a Firenze, il brand si sta facendo strada più che mai. Il primo evento ufficiale Crash Baggage ha avuto luogo a giugno 2013 durante l’84esima edizione del Pitti Uomo a Firenze, in collaborazione con il concept store “Société Anonime”. “L’idea era di consentire alle persone di mettersi in contatto con il prodotto, abbiamo quindi scelto di ricreare l’atmosfera di un viaggio in aereo, dal contatore check-in alla ristorazione inflight”. Un evento che ha lasciato senza dubbio il segno.

0.2_Crash Baggage

Quindi, godetevi il viaggio e non maneggiate la vostra valigia con cura: la perfezione è noia, l’imperfetto è la nuova filosofia.

-HANDLE WITHOUT CARE-

0.4_Crash Baggage


Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM GIULIA PEZZUTO

ENTRA NELLA COMMUNITY