Vedo, ascolto, scrivo!

Carnival foodporn: bontà veneziane

0
Like

Dovete sapere che sono mooolto golosa, amo i dolci più di ogni altra cosa al mondo, e fortunatamente non ingrasso così facilmente (odiatemi donne!). Quest’anno più di tutti gli altri, complice forse l’età che avanza, forse semplicemente la golosità che aumenta, sto provando tutte le frittelle con la crema delle mie zone. Non vi elencherò tutti i panifici, ma ci sono delle frittelle che solo alcuni di noi hanno avuto l’onore di assaggiare..

Il bello di studiare a Venezia è che ti becchi anche il Carnevale, perché le lezioni continuano, alla faccia delle meraviglie che sfilano fuori! Non ci ero mai stata prima dei tempi universitari, ed ora soffro la sindrome del “Missing Venice”. Questo era il periodo migliore: le calli animate ad ogni ora, gente di ogni nazionalità che ti chiede indicazioni per Piazza San Marco o per la “railway station”, e poi ci sono loro: le mitiche, intramontabili, ineguagliabili frittelle ripiene della Pasticceria Tonolo.

Posto strategico (tra la stazione dei treni e la sede di Cà Foscari), ottimo luogo dove fermarsi per una merenda al volo durante l’anno, figuriamoci a Carnevale! Non posso descriverle a parole ma credetemi, una bontà del genere va provata. Le feste sono appena iniziate, affrettatevi e fatevi un giretto a Venezia, una frittella di Tonolo vi ricompenserà persino del caos che troverete a bordo del treno (se riuscirete a prenderlo)!

Io mi affido a pasticcerie e panifici per mangiare tutti questi dolcetti, ma so che tra voi ci sono donzelle e donzelli molto bravi in cucina. Per questo voglio suggerirvi le tre ricette ufficiali, fondamentali per il carnevale Veneziano (e veneto in generale).

Le fritole Venexiane

frittelle

Ingredienti:

  • 25gr lievito di birra
  • 300gr farina
  • 1/4l latte
  • 100gr zucchero semolato
  • 3 uova 50gr burro
  • 70gr uva passa
  • 30gr pinoli
  • buccia di limone
  • 2 cucchiai grappa o rum
  • Sale olio di semi di arachidi per friggere
  • Lavare l’uvetta e asciugarla con un telo pulito. Sciogliere il lievito nel latte tiepido e fondere a bagnomaria il burro. In una capace ciotola mettere 50gr di zucchero e lavorarlo con le uova; aggiungere il burro fuso, lievito, uvetta, pinoli, la buccia di limone grattugiata e il rum mescolando fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere poco alla volta la farina e un pizzico di sale. Lavorare energicamente il composto e lasciarlo riposare un’ora finché avrà raddoppiato il suo volume. Scaldare bene l’olio e, usando un cucchiaino per dar loro la forma, friggere le frittelle finché non saranno gonfie e dorate. Scolarle su carta assorbente e servirle spolverate con lo zucchero rimasto.

    NB: volendo,queste piccole creature possono diventare delle deliziose bombe ipercaloriche se riempite di crema pasticciera.

    I galani venexiani

    galani

    Ingredienti:

    • 500gr farina
    • 100gr zucchero
    • 50gr burro
    • 2 uova
    • 125cl vino bianco
    • Un pizzico di sale
    • Buccia di limone grattugiata
    • Un cucchiaio di rum o anice
    • Olio per friggere
    • Zucchero a velo
    • Amalgamare in un impasto omogeneo tutti gli ingredienti, stando attenti a non creare grumi.
      Stendere l’impasto fino ad ottenere una sfoglia sottile. Lasciarlo un po’ riposare e poi, con l’aiuto di un mattarello, rendere la sfoglia il più sottile possibile. Tagliarla a losanghe con delle piccole incisioni al centro e friggere i crostoli di carnevale in olio ben caldo. Scolarli su carta assorbente e spolverarli con zucchero a velo.

      Le Castagnole

      castagnole

      Ingredienti:

      • 400gr farina bianca
      • 50gr zucchero
      • 80gr burro
      • 2 uova
      • Un pizzico di sale
      • 1 cucchiaino di lievito vanigliato
      • Buccia di limone grattugiata
      • In una ciotola ammorbidire il burro e incorporare zucchero e uova. Mescolare, aggiungendo la buccia grattugiata del limone, un pizzico di sale, farina e lievito. Con un cucchiaio fare delle palline grandi come una noce e friggerle in olio bollente. Appena la pallina assume un colore dorato, scolarla su carta assorbente. Servire le castagnole di Carnevale con una spolverata di zucchero a velo.

        Non solo dolci..
        A Venezia si sa, non ci sono solo dolci ma ci sono spettacoli tutti i giorni, a tutte le ore. E per spettacolo non intendo solamente i concerti o le feste, intendo anche le truccatrici nel piazzale della stazione S. Lucia, i peruviani che suonano sparsi in calli e campi, i gondolieri che cantano le canzoni veneziane, le meravigliose maschere veneziane imitate in tutto il mondo e assolutamente uniche.

        Se non siete mai stati al carnevale di Venezia, andateci. E’ una tappa obbligatoria nella vita, non potete guardare solo attraverso la TV o i media. Avete ancora un po’ di tempo, c’è tutta la prossima settimana fino al martedì grasso 8 febbraio.  Per tenervi aggiornati sui programmi degli eventi basta seguire la pagina Facebook “Carnevale di Venezia-Official Page”.

        Quasi dimenticavo: se mettete in pratica queste ricette, basta anche solo una, chiamatemi per l’assaggio.. Sarò sicuramente libera! ;)

        Grazie a Venetoinside per le ricette tipicamente Made in Veneto!         

        Foto di copertina by Pinterest

    Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

    MORE FROM VALENTINA ARTICO

    ENTRA NELLA COMMUNITY