Salone Internazionale del Mobile 2018

Bellezza, equilibrio, relazione: incontro con il designer di Arper Ichiro Iwasaki

0
Like

Non sapevamo bene cosa aspettarci, al Salone del Mobile di Milano, prima di intervistare un designer del calibro di Ichiro Iwasaki. Ichiro nasce a Tokyo ma affonda il suo background nel design italiano, studiato e sviluppato nelle sue numerose sfaccettature, dagli articoli per la casa fino ai dispositivi elettronici. In quest’occasione Iwasaki si trovava a Milano grazie alla sua collaborazione con Arper, azienda italiana con un’aspirazione internazionale che da quasi trent’anni crea sedute, tavoli e complementi d’arredo pensati per la collettività, con sensibilità ed eleganza. Durante il nostro incontro, ci siamo fatti raccontare quelli che per lui sono i valori fondanti di Arper, per poi affrontare, più in particolare, alcuni punti importanti legati alla sua ultima collezione Kiik. Ne è emerso un uomo attento e sensibile alle relazioni tra le persone, totalmente in linea con l’apparato valoriale che Arper porta avanti sin dal 1989, anno della sua nascita.

Ichiro Iwasaki Arper

Nel design di Arper, l’equilibrio sopra ogni cosa

La nostra chiacchierata con Ichiro Iwasaki si è diretta subito verso il mondo di Arper, e nello specifico verso quelli che secondo lui sono i valori portanti dell’azienda. Senza esitare, Ichiro si è subito espresso con sicurezza ed essenzialità individuando nell’equilibrio la chiave principale per quelli che sono i due aspetti fondamentali dell’azienda: quello estetico e quello umano legato alle relazioni tra le persone. Come testimoniano le sue parole, infatti L’equilibrio permette di costruire un sistema di relazioni positivo. È necessario che ci sia equilibrio tra persone, ma anche tra persone e oggetti. L’equilibrio deve esistere anche tra persone e colore e persone e luce.” E per non tradire le sue origini giapponesi che trovano nell’ordine e nel rigore i suoi punti di forza anche nel design, ha completato la sua risposta così: “Ci sono elementi che esistono e che esisteranno sempre intorno a noi e che per questo richiedono una regola.

Salone del Mobile 2018 Arper

Focus su Kiik: l’ultima creazione di Ichiro Iwasaki

Nel raccontarci di Kiik, la nuova collezione da lui ideata e disegnata, Ichiro Iwasaki ci ha confidato che la finalità che ha ispirato il design di questi oggetti è favorire la relazione tra le persone, in perfetta armonia con i valori di Arper. Si tratta, infatti, di una collezione modulare di sedute, tavolini, pouf e console atta a creare le condizioni ideali per il lavoro, la condivisione o il riposo. Potremmo dire che le sedute, i tavolini e le consolle che fanno parte di Kiik possono essere intesi come delle vere e proprie isole in cui incontrarsi, in bilico tra arrivo e partenza, a metà tra attesa e azione. E se le relazioni sono state la fonte di ispirazione principale per la collezione, di fondamentale importanza sono stati anche i luoghi all’interno delle quali queste relazioni avvengono.

Arper Kiik 2018 Ichiro Iwasaki

Nel progettare Kiik, Ichiro Iwasaki si è fermato a lungo ad osservare spazi pubblici come parchi, musei o aeroporti, e ne ha assorbito l’energia dinamica che proveniva dalle persone mentre erano sedute, in piedi, stese, oppure intente a chiacchierare, leggere, scrivere, osservare, mangiare, aspettare, riposare, pensare e qualsiasi altra cosa. Proprio questa molteplicità di potenziali azioni ha permesso a Iwasaki di progettare una collezione modulare composta da oggetti in grado di combinarsi in molteplici modi, per adattarsi ai contesti più disparati appartenenti all’ambito domestico o pubblico, privato o lavorativo.

Prendendo Kiik come esempio, si può constatare come Ichiro Iwasaki rappresenti quella generazione di designer che hanno finalmente preso coscienza del proprio importante ruolo rispetto alla collettività e alle relazioni umane che all’interno di essa vanno a crearsi. Un designer del calibro di Iwasaki è l’esempio di come si possano coniugare bellezza e attenzione alla persona attraverso l’elemento che più è caro allo stesso designer giapponese: l’equilibrio.

Guarda la video-intervista integrale a Ichiro Iwasaki:

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM REDAZIONE GUSHMAG

ENTRA NELLA COMMUNITY