TSW Social Magazine

Appunti dal Wired Next Fest (1/2)

0
Like

Dal 27 al 29 maggio siamo stati al Wired Next Fest insieme a TSW: un weekend dove abbiamo respirato innovazione, nuove tecnologie e nuove frontiere.

Una vera e propria esperienza, suggellata dalla nuova divisione di TSW dedicata alla Human Experience. Quali sono stati gli speech che più ci hanno impressionato durante la prima giornata, e che oggi vogliamo condividere con voi?

Ricordare le vittime della mafia attraverso la tecnologia

PIF, nome d’arte per Pierfrancesco Diliberto, ha presentato NOma (che sta per “No Mafia”), una app per raccontare le vite di chi ha sacrificato la propria vita per la mafia. Quale supporto tecnologico poteva meglio avvicinare i più giovani, se non una app? La app infatti propone un itinerario da seguire nei dintorni di Palermo per sensibilizzare su quanto successo a causa della mafia. Perché ciò che è successo nel passato non si può cambiare, ma il futuro si può cambiare attraverso la conoscenza.

Una Barbie per inspiring girls e inspiring moms

Peter Dickson, presidente e Coo di Mattel, ci ha raccontato la storia e l’evoluzione di un’icona, più che di un prodotto, un giocattolo sulla cresta dell’onda dagli anni ‘6°. Una Barbie che vuole essere al passo coi tempi dev’essere diversa, inclusiva, ma anche individuale. Il gioco non deve essere visto solo come gioco, ma come educazione, apertura mentale, un’introduzione alla vita vera. Il gioco deve saper riflettere l’esigenza dei bambini disentirsi rappresentati, deve aiutarli a scoprire la propria identità, sviluppando un’immagine di se stessi sana, apprezzando le mille diversità del mondo.

L’innovazione è anche questione di stile

Lapo Elkan – fratello del presidente della FIAT, dirigente aziendale e consulente di Ferrari – e Renzo Rosso – fondatore di Diesel – hanno parlato di come utilizzare l’innovazione attraverso le start up nel mondo del fashion e del lusso. L’innovazione, per avere successo nel mercato, deve essere un’idea fuori dagli schemi. Non bisogna avere paura di sbagliare: il rischio sta alla base dell’imprenditorialità, ma con il digitale la chiave è la flessibilità. E qual è il vero modo in cui le aziende possono colpire nel segno? Attraverso l’autenticità: siamo in un’era in cui se non si è veri, il palco crolla. Storytelling quindi, ma autentico.

Il futuro del giornalismo

Tutti dicono che è finita l’era del giornalismo, ma non è vero: anzi! Secondo Ferruccio De Bortoli, direttore de Il Corriere della Sera, con lo sviluppo del web è tutto cresciuto, e il giornalismo si deve adattare alle epoche. Cosa scegliere tra la carta e il web?

Tra la carta e il web ciò che importa è che il cittadino abbia le informazioni.

La rete incoraggia il giornalismo, perché molti giovani sono diventati editori di se stessi. Ma è come essere un giornalista? No, infatti non bisogna affidarsi solo al web: per essere giornalisti ci cono conoscenze da avere, e regole da rispettare.

La Scienza nel Marketing

Il marketing è diventato comportamentale: rispetta di più il lato umano, segue il consumatore e il suo comportamento, le sue abitudini e le sue percezioni. Il marketing non si basa più solo sul bisogno, secondo Nicola Novellone, direttore Brand & Advertising di Vodafone Italia.

E tutto questo viene arricchito da Luca Schibuola, Head of Strategy di TSW, che ha parlato del lancio del TSW XP Lab, la unit di TSW dedicata alla human experience.

Le emozioni delle persone sono al centro

Le emozioni, infatti, vengono monitorate per comprendere i valori associati a un brand. Gli stimoli inconsci delle persone diventano una guida per misurare l’efficacia di uno spot pubblicitario, di un packaging, di un sito web e della probabilità di scegliere un determinato prodotto tra decine di altri su uno scaffale di un supermercato. Il tempo di attenzione degli utenti è sempre più basso: per questo, per essere efficaci, bisogna porre attenzione alle dinamiche giuste. Il prodotto deve essere coinvolgente, piacevole, deve interessare la persona.

Emozioni rubate allo stand di TSW: Enhancing Human Experience

Al Wired Next Fest, TSW aveva uno stand in quanto sponsor, dove abbiamo potuto assaporare l’enorme curiosità delle persone che passavano e chiedevano tantissime informazioni.
Un momento, per noi di Gushmag ormai parte integrante di TSW, di coesione e di collaborazione, con tanto entusiasmo! Siamo stati orgogliosi di vivere insieme a loro questa tre giorni, in una dimensione di crescita personale e professionale unica.

La cosa più bella? Rendersi conto che siamo portatori sani di innovazione e facilitatori della sua scoperta, cosa di cui difficilmente ci rendiamo conto parlandone solo tra di noi e rimanendo entro le mura dell’ufficio. Andare all’esterno, infatti, consente di instillare curiosità nelle persone, e fare loro conoscere ciò che facciamo ogni giorno è una soddisfazione rara.

experience-box-wired-next-f

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM VERONICA PISTOLATO

ENTRA NELLA COMMUNITY