S.O.S. Fashion con Cherry

Accessori: prendiamoli dal reparto Kids!

0
Like

Oggi vi parlo di un tema fashion a me molto caro: l’Accessorio. Sì, con la A maiuscola, perché è grazie a lui che possiamo rendere unico e personale qualsiasi outfit, anche (e soprattutto) quelli composti con capi acquistati in quel negozio di quella catena che c’è al centro commerciale dietro casa dove vanno tutti a fare shopping. Vi chiederete: ma se anche gli accessori vengono da quel negozio di quella catena ecc., come fa a rendere unico un outfit? Avreste anche ragione, se non per il fatto che oggi vi parlerò di un particolare tipo di accessorio: quelli rubati dal reparto kids (non vi sto istigando alla delinquenza, “rubare” è ovviamente un eufemismo).

Vi chiederete per quale motivo dovreste scegliere tra gli accessori del reparto bimbi piuttosto che da quello per ordinari adulti? Ecco a voi 5 inconfutabili motivi:

  1. Spesso e volentieri vengono riproposti accessori identici o quasi a quelli per adulti, ma…
  2. Costano di meno, talvolta in maniera esagerata.
  3. Se siete delle romanticone un po’ kawaii troverete di certo molta più scelta di quella che c’è in un ordinario reparto di abbigliamento femminile.
  4. Non vi sentirete (economicamente) in colpa ad acquistare accessori eccentrici: la coroncina di fiori che nel reparto adulti costa 20 euro, qui la trovate a 5 (l’ho testato sulla mia pelle).
  5. Conseguenza dei quattro: vi potete comprare tutti gli accessori eccentrici che volete, anche se li userete due volte nella vita, tanto costano poco.

E allora vediamo qualche consiglio di stile sull’utilizzo di accessori sottratti al reparto kids: per la prima volta, eccezionalmente, sarò anche la modella della foto, proprio come una vera fashion blogger. Ma solo perché l’argomento mi sta a cuore. E perché penso sia il modo migliore per mostrarvi che non dico baggianate.

1- Calzini

Se portate un numero di scarpe fino al 38 non avrete problemi ad attingere al reparto kids per questo tipo d’indumento. I three-pack che trovate qui costano sempre un paio di euro in meno rispetto a quelli che trovate nel reparto adulti. E non temete: non troverete solamente fantasie delle Super-Chicche e simili (che comunque, purtroppo, qualche anno fa venivano indossate da orde di giovani donne e uomini). Molte ricordano proprio alcune tra le stampe più simpatiche proposte per i calzini di lunghezza media da giovane donna: quelli da portare morbidi con scarpe Oxford, come vedete nell’immagine.

Io ovviamente mi sono lasciata tentare da quelli glitterati con i cuoricini blu (ma sono ancora nel limite del buon gusto, se non eccediamo con il resto e se nell’outfit richiamiamo il blu dei cuoricini, giustificandoli). Mi dispiace per chi porta un numero superiore al 38, limite massimo a cui arrivano i calzini per bambine. Potete in alternativa rovistare tra quelli da bambino, ma non troverete più di fantasie a rombi o a righe, ma la ricerca accurata vi porterà a trovare magari qualcosa di buono.

Tentar non nuoce!

calzini kids

2- Coroncine di fiori

E’ vero, sono state il grande must della scorsa primavera-estate, ma una vera fashion-addicted dai gusti un po’ boho non può di certo farsene mancare almeno una nel suo arsenale di accessori. E, personalmente, non vedo l’ora che le temperature si alzino e le atmosfere si facciano più primaverili per indossarle nuovamente.

Problemi: spesso per una di queste coroncine, di quelle fatte bene, con i fiori grandi e colorati, si arriva a spendere anche sui 20-25 euro. Persino io pensai, all’epoca in cui decisi di acquistare la mia prima corona di fiori, che fosse una follia. Inizialmente pensai al DIY come soluzione. Infine con la colla vinilica ci so fare. Poi mi venne un’idea migliore: provare a guardare nel reparto bambini.

Ebbene, c’era proprio quello che pensavo: coroncine di fiori, di tutti i tipi, da quelle un po’ da prima comunione, candide e infiocchettate, a quelle solari e variopinte. Prezzo massimo: 4,95 euro. Mie.

In questo caso la taglia non è un problema: la maggior parte di questi fantastici ornamenti floreali è provvista di un elastico nella parte posteriore, che si adatterà più o meno a ogni tipo di circonferenza del capo.

coronayes

3- Collane, bracciali e simili

Per quanto riguarda questa categoria di accessori, il reparto Kids è una fonte interminabile di oggettistica kawaii. Le collane e gli orecchini sono quelli meno problematici dal punto di vista delle misure (a meno che non vi piacciano gli stringicollo anni 90, che, ahimè, stanno tornando alla ribalta), poiché sicuramente una bimba avrà una circonferenza-polso inferiore alla nostra.

Io punto tutto sulle collane: l’accessorio sicuramente più invadente e vistoso, non per niente quello che può effettivamente trasformare un outfit scialbo e insipido in uno grintoso e pieno di personalità.

collagegambe

Caution!

Attingere dal reparto kids può essere rischioso e ci può far cadere facilmente nel trash. Tutte le ragazze romantiche e forse ancora un po’ con un piede nell’area teenager (un po’ come me, insomma), ovvero quelle che adorano le perline, il rosa, i ciondoli a forma di pony e i cerchietti con fiocchi extra-large, devono stare attente a non lasciarsi prendere troppo dall’entusiasmo con questi eccentrici accessori low cost. Il kawaii ci sta, ma fino a un certo punto. O meglio: per carità, indossate un accessorio sottratto ai kids per volta, magari abbinato a un look total black, se non volete correre il rischio di sembrare una caramella. O peggio una Harajuku Girl.

harajuku

Foto di Everjean

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM VALENTINA SAETTA

ENTRA NELLA COMMUNITY