L'angolo di Key

A Pasqua parola d’ordine: Serenità

0
Like

In questo post non voglio parlare di null’altro se non di serenità.
Per le festività pasquali è solito augurarsi una “serena Pasqua”.  Sono andata a ricercare l’etimologia della parola. “Serenità” deriva dal latino “serenus” che vuol dire “asciutto, secco, sgombro di nuvole“.
Bellissimo, già questo alleggerisce il cuore!

A Pasqua parola d'ordine: serenità

Mai come adesso il significato della serenità deve essere forte e sentito. Mai come in questo momento storico fatto di confusione, di frenesia, di rapporti umani fluidi, di distrazioni futili ma anche di errori umani gravi, dove basta una lettera uguale o diversa in un cognome a cambiare il ciclo di più vite. In questo clima sociale dove le uniche certezze che abbiamo sono l’incertezza economica e la precarietà dei sentimenti, approfittiamo di questi pochi giorni di festa e fermiamoci. Respiriamo. Ascoltiamo. Raccontiamoci. Preghiamo, per chi crede. Riflettiamo. Riposiamoci.

Siamo egoisticamente e realmente sereni.  Ce lo dobbiamo, non credete? Per questo motivo riporto di seguito una delle preghiere più belle, a mio avviso, dopo il Padre Nostro:
la Preghiera della Serenità.
Che vale per tutti, indistintamente.

Dio, dammi la Serenità
di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso
e la saggezza per capire la differenza.
Vivendo ogni giorno la vita,
godendo ogni momento,
accettando la fatica
come cammino verso la pace,
prendendo questo mondo così come è
e non come io lo vorrei.
Credendo che ogni cosa sarà da Te resa giusta
se mi abbandonerò alla Tua volontà,
così che io possa vivere
ragionevolmente sereno in questa vita,
e estremamente felice con Te
per sempre nella prossima.

Non vi sentite già meglio?!
Ci vediamo dopo Pasqua con tante belle novità e piacevoli sorprese.

Parola di Key!
Buona Pasquetta!!!

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM CATIUSCIA KEY

ENTRA NELLA COMMUNITY