Vedo, ascolto, scrivo!

14 Febbraio – Diversamente innamorati

0
Like

Sarà pure il mio onomastico ma ogni anno che passa, mi rendo sempre più conto di avere un’acidità pari ad infinito verso certe inutili smancerie. Il Carnevale se n’è andato, alcune sfilate sono ancora in sospeso grazie al tempo che anche questa volta ha guastato le feste, ed è arrivato lui, puntuale come ogni anno: il 14 febbraio.

Ristoranti e locali di ogni genere hanno pubblicizzato (giustamente) la loro serata, il loro menù,il loro dopo cena per gli innamorati. A loro volta, gli innamorati si sono dati da fare per regalare al proprio partner una serata memorabile, una dolce sorpresa.

Mi sono sempre chiesta: avrà un senso tutto ciò?

Una sola volta mi è capitato di uscire a cena la sera di San Valentino, e ho deciso che sarebbe stata l’ultima.

La cena degli “innamorati”

Biscotti a cuore

Cuori grandi e piccoli ovunque, piatti a forma di cuore, dolci a forma di cuore, posate con i cuori, eccheppalle tutti sti cuori! Mi guardavo in giro e vedevo coppiette più e meno felici tenersi la mano e coccolarsi, manco si lasciavano per cenare, ma quando poi lei si è alzata da tavola per andare in bagno ecco che lui zac, ha tirato fuori lo smartphone smanettando per qualche minuto, sempre vigile sul ritorno di lei. Ovviamente poi, la cena è continuata rigorosamente per manina.

Ricordo poi che c’erano le coppie abbastanza datate, forse le più felici di tutti, che se la spassavano alla grande chiacchierando e bevendo del vino, in semplicità, senza tante smancerie.

C’erano poi le coppie moderne, quelle che “Amore ti porto fuori a cena la sera degli innamorati”, e poi entrambi con il cellulare sopra la tavola, accanto alle posate, pronti a fotografare ogni piatto e postarlo sui Social, ma anche no, semplicemente annoiati e connessi col mondo esterno.

Infine, c’eravamo noi: io e il mio uomo, che ci divertivamo a guardarci attorno e ad immaginare l’umore di ciascuna di queste persone, chiacchieravamo di tutto e di più ma soprattutto..bevevamo gustosamente il vino che ci era stato proposto. L’ultimo elemento è stato quello più divertente perchè, a fine serata, ero abbastanza allegra da non riuscire più a trattenere le risate in certi momenti, ma niente a che vedere con la tristezza che mi mettevano certe coppie.

I regali degli innamorati

Regalo San Valentino

Non solo cena ma..regali. Come ogni festa consumistica che si rispetti, a San Valentino si scatenano cuori ovunque, una pioggia di cuori e dolcezze nauseanti. Andiamo dai cioccolatini a forma di cuore, ai dolcetti a forma di cuore, per poi passare ai peluches (nella maggior parte dei casi orsetti con un cuore tra le zampe con la scritta “Ti amo” o “Ti voglio bene”), portafoto a forma di cuore, cuscini a forma di cuore, e rose care, carissime. Eppure, tutte queste cose vengono vendute tutto il tempo dell’anno, a metà prezzo, ma sembrano indispensabili solo all’arrivo del 14 febbraio..

I diversamente innamorati

In mezzo a tutte queste smancerie ci siamo anche noi, i diversamente innamorati. E non perchè non ci amiamo, non ci coccoliamo, o chissà cosa, semplicemente perchè non ce ne frega nulla di San Valentino! Se c’è una sera in cui preferisco starmene a casa (soprattutto dopo l’esperienza sopra descritta) è proprio il 14 febbraio. E se c’è un giorno in cui non voglio fiori, al massimo un cioccolatino ma anche no, è sempre il 14 febbraio.

Mi piace stupire la persona che amo e fargli un regalo o uscire a cena in serate assolutamente normali, senza particolari ricorrenze, senza particolari obblighi. Mi piace uscire a cena ed essere liberi di scegliere cosa mangiare, senza cuoricini possibilmente, e divertirci come solo le coppie come noi sanno fare. Non sono convinta che festeggiare San Valentino sia indispensabile, non penso nemmeno che abbia qualche particolare significato, penso piuttosto che sia solo un’inutile festa consumistica che può tranquillamente essere celebrata ogni giorno, tutti i giorni, da chiunque.

Ieri sera era San Valentino, io ero a casa sola col mio uomo, non è stato difficile fare programmi: abbiamo ordinato due pizze per le ore 20, ore 20:45 giocava l’Inter, il divano è stato il nostro compagno migliore.
Ok, forse avrei preferito guardare un bel film, ma l’amore è anche questo, fare piccoli sacrifici ogni giorno, tutti i giorni. Anche nella festa degli innamorati.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM VALENTINA ARTICO

ENTRA NELLA COMMUNITY